CIBO E CORPO: UNA VERA OSSESSIONE

L’interesse per uno stile alimentare sano e per la cura del proprio corpo  è certamente aumentata negli ultimi anni. 

L’industria del benessere, infatti, ha triplicato i propri guadagni al punto da diventare una delle più grandi industrie dell’economia globale. 

Sicuramente questa è una bella notizia! La cura di sé e del proprio stile di vita è fondamentale. Infatti, una sana alimentazione e l’allenamento permettono di ridurre i rischi di malattie cardiovascolari, di obesità, diabete e molto altro ancora. 

Tuttavia, l’eccessiva attenzione al cibo sano, sta diventando per molti una vera e propria ossessione che potrebbe sfociare nella cosiddetta “ortoressia”

L’Ortoressia

L’ortoressia è un disturbo del comportamento alimentare (DCA) che si basa su una vera e propria ossessione per i cibi salutari, biologici, freschi, con poche calorie. 

L’ortoressia presenta una serie di caratteristiche distintive: 

  • Controllo compulsivo delle etichette alimentari;
  • Eliminare interi gruppi alimentari;
  • Ansia rispetto ad alcuni alimenti;
  • Stile alimentare per nulla flessibile;
  • Senso di colpa o vergogna quando ci si allontana dalle proprie rigide abitudini alimentari;
  • Perdita di peso (in alcuni casi).

L’influenza dei social media

Soprattutto la tecnologia e l’influenza dei social, come Instagram, stanno incrementando il fenomeno dell’ortoressia. Pensate infatti a tutte le inserzioni o post su prodotti gluten-free, vegani, proteici, ecc. oltre che alle innumerevoli schede di allenamento e consigli sugli esercizi da svolgere per allenarsi al meglio.  

Se a lanciare queste promozioni e informazioni sono gli/le influencers o personaggi famosi, le persone spesso prestano molta attenzione, lasciandosi spesso convincere e influenzare. 

L’idea di uno stile di vita sano è dunque portata all’estremo, con conseguenze che possono certamente essere gravi. 

In un’era digitale come la nostra bisogna porre attenzione alle immagini e alle informazioni che vediamo e leggiamo. 

Bisogna sempre ricordare quanto sia importante perseguire uno stile di vita sano che preveda delle corrette abitudini alimentari e attività fisica, senza però sviluppare un’ossessione.

Fonte: Eating Disorder Review

L’OSSESSIONE DEL CIBO SANO

L’ossessione del cibo sano si chiama Ortoressia.

L’ortoressia può essere considerata un nuovo disturbo del comportamento alimentare (DCA).

Si tratta di un disturbo per il quale la persona sviluppa delle vere e proprie ossessioni per il consumo di cibo sano.

I soggetti ortoressici mettono in atto una serie di comportamenti quali:

  • Programmare anticipatamente i pasti
  • Occuparsi per ore ed ore dei cibi che possono consumare o meno
  • Scelgono cibi che spesso non sono di loro gradimento purché siano sani e/o biologici
  • Impiegare parecchio tempo al supermercato per scegliere gli alimenti che meglio soddisfano le loro esigenze
  • Utilizzano delle cotture particolari e stoviglie di un certo tipo.

Essi hanno mille dubbi sugli alimenti: la provenienza, gli OGM, il bio, il tipo di coltivazione e produzione, i conservanti, gli additivi, ecc.

La loro ossessione li porta a limitare le interazioni sociali e a isolarsi.

È infatti difficile, per loro, trovare qualcuno che possa condividere queste abitudini alimentari rigide e per nulla permissive.

Gli ortoressici non accettano quasi mai inviti a cena, ad un aperitivo o anche solo per un caffè.

L’ortoressico può arrivare al punto di convincersi che la sua salute dipenda solo ed esclusivamente dal cibo.

C’è chi, infatti, sostiene che dietro l’ortoressia vi sia la paura di sviluppare malattie, oltre alla paura delle contaminazioni, dell’invecchiamento e una percezione distorta del proprio corpo.

Inoltre, l’ortoressico è una persona che vuole avere il controllo su tutto, appare perfezionista e intransigente, nonché rigido con sé stesso.

Anche l’ortoressia è un disturbo che compromette l’equilibrio psico-fisico.

Aiutare gli ortoressici è possibile e il lavoro integrato di psicologi, medici e nutrizionisti è uno dei più efficaci.

Fonte: Stateofmind

CIBO E AUTOCONTROLLO

L’autocontrollo è fondamentale, soprattutto quando si parla di comportamento alimentare.

Se non si è in grado di esercitare il controllo sulle proprie scelte alimentari e non si regola il proprio comportamento alimentare, sarà difficile creare delle nuove abitudini e avere successo in un percorso  di perdita di peso.

I meccanismi di controllo vengono regolati in una parte specifica del nostro cervello che è la corteccia prefrontale laterale.

Una recente ricerca ha dimostrato che negli esseri umani il controllo del peso corporeo dipende dall’attivazione delle regioni cerebrali coinvolte nell’autocontrollo e nellautoregolazione.

Sembra che anche il successo di una dieta ( regime alimentare) dipenda dall’attivazione di queste regioni.

Per giungere a queste conclusioni è stata condotta una ricerca che prevedeva di effettuare una risonanza magnetica (RM) a 24 persone che seguivano un percorso dimagrante.

Durante la risonanza, ai soggetti venivano mostrate immagini di cibi ipercalorici e gustosi e immagini di un paesaggio.

Grazie a questa tecnica di neuro-immagine si è registrata una maggiore attivazione della corteccia prefrontale laterale nei soggetti che stavano registrando maggiore successo a perdere peso.

Questo dato dimostra, in questi soggetti, una migliore capacità di autocontrollo e di motivazione a non riprendere le vecchie abitudini alimentari.

I ricercatori concludono sostenendo che una delle possibili variabili che potrebbe interrompere il meccanismo di controllo è lo stress.

Lo stress è spesso la causa degli eccessi alimentari; pertanto, è bene rendersi conto se si sta attraversando una fase difficile e stressante che potrebbe avere un impatto negativo sulle capacità di autocontrollo.

Autocontrollo e autoregolazione rappresentano due meccanismi importanti per condurre una vita equilibrata.

NATALE: COME COMPORTARSI A TAVOLA

Il Natale si avvicina e in molti non vedono l’ora di concedersi qualche peccato di gola.

Panettoni, torte, pizze, risotti, fritture varie… quante bontà!

Ma come comportarsi?

Il Natale e le feste rappresentano dei momenti di aggregazione, di piccoli sfizi e trasgressioni.

Ciò a cui bisogna stare attenti sono due differenti modalità di approcciarsi ai pranzi e alle cene di questo periodo.

Se da una parte è necessario ricordarsi di non eccedere troppo nelle quantità e nelle abbuffate, dall’altra parte è importante assumere un comportamento corretto per evitare troppi sensi di colpa.

Trovare un buon compromesso tra questi due atteggiamenti è una giusta soluzione per evitare di sviluppare o riprendere delle cattive abitudini alimentari.

Ovviamente in molti hanno già cominciato ad acquistare calendari dell’avvento con il cioccolato e panettoni di vari gusti. Anziché consumare questi alimenti durante l’intero mese di dicembre, sarebbe più funzionale limitarne il consumo ai giorni propriamente festivi.

In questo modo, le occasioni per concedersi i peccati di gola diminuiranno e non ci saranno eventuali sensi di colpa.

Sviluppare e imparare delle sane abitudini alimentari significa gestire consapevolmente il proprio comportamento alimentare, non sentire l’esigenza di abbuffarsi quando si presenta l’occasione e non provare eccessivi sensi di colpa.

L’obiettivo delle festività è quello di trascorrere del tempo in compagnia, di rilassarsi e divertirsi.

Per far questo è utile non concentrarsi esclusivamente su ciò che mangerete!

Per far diventare tutto questo un automatismo, ho creato un percorso psicoalimentare che vi permetta di unire al gusto alimentare l’ottimo rapporto con il cibo.

IL CRAVING: COS’È?

La traduzione letterale di ‘Craving’ è brama.

Precisamente, si intende la brama o il desiderio irrefrenabile di un determinato alimento.

Il craving può assumere le stesse caratteristiche della compulsività, soprattutto in presenza di particolari stimoli visivi e rinforzi.

In molte persone si riscontra il ‘carbohydrate craving obesity’ (CCO) ovvero un desiderio incontrollabile e ossessivo di carboidrati.

Questa ricerca ossessiva dei carboidrati può dipendere da disordini psicologici, dal tono dell’umore e molto altro.

Infatti, sono molti gli alimenti che agiscono sul tono dell’umore migliorandolo.

Solitamente, i cibi con un quantitativo maggiore di carboidrati producono il buon umore e incidono positivamente sullo stato emotivo.

L’umore è regolato da una serie di neurotrasmettitori, quali la serotonina, che ha un effetto antidepressivo e rilassante.

La serotonina viene prodotta in quantità maggiori quando un individuo consuma un pasto a base prevalente di carboidrati.

L’effetto sull’umore, tuttavia, è temporaneo e si smorza brevemente. Questo comporta un’assunzione sempre maggiore di carboidrati per poter riprodurre le sensazioni di piacere e rilassamento.

I rischi sono l’assuefazione e lo sviluppo di un disordine o dipendenza alimentare.

E’ fondamentale assumere carboidrati ma è bene limitarsi e non eccedere se si vuole mantenere il proprio benessere psicofisico.

CIBO E CULTURA

Il cibo è espressione di una cultura.

Il valore culturale attribuito al cibo mette in evidenza le differenze tra popoli e i differenti approcci nei confronti dell’alimentazione.

L’arte culinaria si tramanda di generazione in generazione: pensate a quando le vostre nonne non vedevano l’ora di mostrarvi come mettere le mani in pasta e trasmettervi le ricette di un tempo.

Così come si tramandano le ricette, si tramandano anche le abitudini e gli stili alimentari che possono essere più o meno corretti.

La tradizione culinaria e la cultura alimentare si accompagnano poi anche ad una serie di aspetti psicologici e sociali.

Il cibo esprime chi siamo, il nostro modo di essere e di relazionarci con gli altri tanto che un disturbo alimentare potrebbe essere ricondotto ad una difficoltà di instaurare relazioni interpersonali o insoddisfazione del proprio corpo o di altri aspetti della propria vita.

Il cibo è anche intriso di un valore sociale in quanto è un momento di aggregazione e condivisione: pensate ai pranzi domenicali o alle grandi tavolate in pizzeria per festeggiare un qualsiasi evento!

In generale il cibo è una presenza costante nella nostra vita ma è bene non considerarlo come priorità.

Ovviamente bisogna apprezzare la propria cucina, i piatti tipici, difendere e conservare le tradizioni ma non bisogna dimenticare l’importanza di condurre uno stile di vita alimentare sano ed equilibrato.

Un buon rapporto con il cibo permette di sviluppare anche un buon rapporto con noi stessi e gli altri.

http://www.annamariagiancaspero.it

IL CIOCCOLATO: DALLE ORIGINI AD OGGI

Il tanto amato e gustoso cioccolato quanti anni ha?

Il cioccolato ha deliziato le papille gustative per secoli. Le primissime piantagioni di cacao si trovavano in Sud America e, negli anni, si espansero fino all’America Centrale.

I semi di cacao venivano utilizzati come monete di scambio ma anche per preparare bevande da consumare durante feste e banchetti.

La coltivazione più importante per le popolazioni dell’America Centrale era la Theobroma cacao che prevedeva diverse varietà.

Molte ricerche hanno rilevato che la maggiore diversità di questa piantagione si ritrova in Sud America e studi archeologici dimostrano che queste popolazioni utilizzavano il cacao addirittura tra 5300 e 2100 anni fa.

Insomma, il cacao e il cioccolato hanno origini antichissime.

Oggi le varietà di cioccolato sono innumerevoli e ce n’è per tutti i gusti: fondente, bianco, al latte, con le nocciole, all’arancia…

Il cioccolato è sicuramente uno degli alimenti maggiormente gradito e in quanto tale potrebbe portare ad un abuso nel suo consumo. Mangiare troppo cioccolato è dannoso per la salute e potrebbe innescare dei meccanismi di assuefazione, tipico degli alimenti con molti zuccheri.

Tuttavia, il cioccolato, soprattutto fondente, presenta anche proprietà benefiche per l’organismo.

Tra i principali benefici ricordiamo quelli associati alla memoria, alle capacità cognitive, all’attenzione, all’umore e al sistema cardiovascolare.

 

Fonte: Popular Science

COS’È L’ARFID?

ARFID è una sigla che sta per avoidant-restrictive food intake disorder.

Tradotto in italiano: disturbo evitante-restrittivo dell’assunzione di cibo.

Questo disturbo tipicamente si sviluppa da bambini, i quali mostrano un atteggiamento particolarmente selettivo nei confronti del cibo e/o scarso interesse per il cibo. In particolare, si parla di ARFID quando non vengono soddisfatte le necessità nutrizionali.

L’ARFID può essere inserito sia tra i disordini alimentari che tra i disturbi del comportamento alimentare. Questo però comporta delle differenze in termini diagnostici e di intervento psicologico.

È stato dimostrato che giovani pazienti con ARFID non sono ansiosi di assumere calorie a differenza degli anoressici e dei bulimici. Il loro timore è quello di soffocare. In questa direzione si può sicuramente parlare di disordine alimentare piuttosto che disturbo.

Tuttavia, l’ARFID potrebbe assumere la forma di un disturbo del comportamento alimentare qualora l’evitamento e le restrizioni di cibo diventassero una costante per il bambino.

Infatti, il bambino potrebbe diminuire notevolmente il suo peso e, crescendo, potrebbe adottare regole ferree e rigide sugli alimenti che può e non può mangiare.

Ad oggi si pensa che l’ARFID sia al confine tra un disordine e un disturbo alimentare.

L’incidenza maggiore si riscontra nel genere maschile, mentre l’anoressia nervosa (AN) e la bulimia nervosa (BN) sono disturbi che colpiscono più le ragazze.

 

Fonte: Eating Disorders Review

IL CIBO COME UNA DROGA

I disturbi alimentari conosciuti oggi sono moltissimi e si basano su un rapporto conflittuale con il cibo. Uno dei disturbi maggiormente diffuso tra giovani ragazze e ragazzi è la bulimia nervosa (BM). Le abbuffate che caratterizzano la bulimia nervosa nonché la continua ricerca e l’abuso di cibo si possono paragonare alla ricerca e all’abuso di sostanze stupefacenti.

Un certo numero di sostanze, incluso il cibo, può avere un impatto negativo sulle capacità di auto-controllo dell’individuo. Sembrano infatti esserci delle similarità dal punto di vista neurobiologico tanto che chi soffre di bulimia nervosa può mostrare dei danni al sistema dopaminergico allo stesso modo di chi ha una dipendenza da sostanze.

Queste evidenze, basate sulla neurobiologia e sui substrati neurali, sottolineano che la bulimia nervosa (BM) sia un disordine alimentare che crea una dipendenza, dipendenza che potrebbe presentare la necessità di essere trattata con una terapia o addirittura farmacologicamente qualora la situazione sia particolarmente grave.

Il cibo è la fonte primaria di nutrimento e di sopravvivenza ma non è tutto nella nostra vita.

Bisogna imparare a gestire il proprio comportamento alimentare e a capire che il cibo non va né demonizzato né considerato l’unica priorità.

Talvolta questo è un compito difficile, motivo per cui ci sono degli specialisti (medici, psicologi, nutrizionisti) che possono fornire un valido aiuto nel ripristinare delle sane abitudini alimentari che gioveranno non solo al fisico ma anche al benessere psicologico e interpersonale.

 Fonte: PubMed

LA ‘TRISTE’ VERITA’ SU ALCUNI ALIMENTI

“Tutto ciò che è buono fa ingrassare”: nulla di più vero.

La pizza, il cioccolato, le patatine, il gelato, i dolci sono alcuni dei cibi più gustosi, il cui solo pensiero fa già venir l’acquolina in bocca.

Ma perché questi alimenti ci piacciono così tanto? Cos’hanno di speciale?

A questa domanda ha risposto l’Università del Michigan con una ricerca che conferma l’ipotesi per cui i cibi altamente trattati e industrializzati creano dipendenza tra i consumatori.

Negli anni sono stati diversi gli studi condotti, anche su animali, che hanno evidenziato come i cibi con grassi e zuccheri aggiunti e contenenti farine bianche portino i consumatori a sviluppare comportamenti di vera e propria dipendenza dal cibo. Invece, i cibi privi di grassi e zuccheri non suscitano la stessa reazione di dipendenza.

Molti ricercatori insistono sulla tossicità di questi alimenti e sull’impatto negativo che possono avere nell’educazione alimentare di bambini e ragazzi. Essi infatti vengono attirati dalle pubblicità e dalle strategie di marketing che mirano a creare dipendenza da cibi poco sani.

Nicole Avena, una delle autrici dello studio citato, sottolinea l’importanza di capire quali siano i cibi che creano maggiore dipendenza in modo da individuare le possibilità di intervento e trattamento. La dipendenza da cibo può essere paragonata a qualsiasi altro tipo di dipendenza, ad esempio da alcol, sostanze, fumo, ecc.

L’educazione alimentare non va sottovalutata: essa incide su diversi aspetti comportamentali della persona e nelle relazioni con gli altri.

 

Fonte: State of Mind