IL CRAVING: COS’È?

La traduzione letterale di ‘Craving’ è brama.

Precisamente, si intende la brama o il desiderio irrefrenabile di un determinato alimento.

Il craving può assumere le stesse caratteristiche della compulsività, soprattutto in presenza di particolari stimoli visivi e rinforzi.

In molte persone si riscontra il ‘carbohydrate craving obesity’ (CCO) ovvero un desiderio incontrollabile e ossessivo di carboidrati.

Questa ricerca ossessiva dei carboidrati può dipendere da disordini psicologici, dal tono dell’umore e molto altro.

Infatti, sono molti gli alimenti che agiscono sul tono dell’umore migliorandolo.

Solitamente, i cibi con un quantitativo maggiore di carboidrati producono il buon umore e incidono positivamente sullo stato emotivo.

L’umore è regolato da una serie di neurotrasmettitori, quali la serotonina, che ha un effetto antidepressivo e rilassante.

La serotonina viene prodotta in quantità maggiori quando un individuo consuma un pasto a base prevalente di carboidrati.

L’effetto sull’umore, tuttavia, è temporaneo e si smorza brevemente. Questo comporta un’assunzione sempre maggiore di carboidrati per poter riprodurre le sensazioni di piacere e rilassamento.

I rischi sono l’assuefazione e lo sviluppo di un disordine o dipendenza alimentare.

E’ fondamentale assumere carboidrati ma è bene limitarsi e non eccedere se si vuole mantenere il proprio benessere psicofisico.

L’ORMONE DEL BUONUMORE

Il cosiddetto ormone del buonumore è la serotonina. Si tratta di un ormone responsabile di molte funzioni fisiologiche e del nostro buon umore; pertanto merita di essere conosciuto.

La serotonina regola il ritmo circadiano sonno-veglia, è responsabile del controllo dell’appetito e del senso di sazietà e regola anche il comportamento sessuale.

Capita a tutti di sentirsi giù di morale e percepire un calo dell’umore: ad esempio le donne avvertono questa sensazione in fase premestruale che le porta ad avvertire l’esigenza di ricercare cibi dolci, in primis il cioccolato.

Proprio il cioccolato contiene e favorisce la produzione di serotonina che è in grado di riportare alto il morale.

Tuttavia, troppo cioccolato fa male e la mancanza di serotonina non vale come giustificazione.

La serotonina però può essere prodotta da altre sostanze contenute in numerosi alimenti quali la banana, l’ananas, il salmone, i ceci, le uova. Questi alimenti, oltre ad esser sani e rientrare in un coretto ed equilibrato piano alimentare, aiutano a mantenere la giusta energia durante il giorno nonché il buon umore.

Talvolta i disturbi dell’umore possono essere superati modificando le proprie abitudini alimentari e introducendo alimenti sani e ricchi di sostanze nutritive, alcune delle quali porteranno alla produzione della serotonina.

Fonte: Epub

http://www.alimentalmente.it

Quanto la psiche influenza il nostro rapporto con il cibo?

CIBO, CERVELLO E PSICHE

A chi non è accaduto di sentirsi solo o annoiato e mangiare per riempire un “vuoto”? Oppure  saltare un pasto perchè troppo tesi o nervosi?

Solo le persone più consapevoli riconoscono quanto la nostra mente influenzi il nostro rapporto con il cibo.

Infatti esiste un tipo di Influenza emotiva cioè l’associazione tra emozioni soprattutto negative (come tristezza, rabbia, vergogna e senso di colpa) e abbuffate oppure restrizioni alimentari.

L’ Influenza situazionale invece quando, sotto stress, alcune persone mangiano di più e altre saltano i pasti per cause esterne (problemi sul lavoro o in famiglia).

Ma è possibile migliorare il proprio rapporto con il cibo?

Si, attraverso con un sostegno psicologico che ci permetta di ottenere maggiore consapevolezza alimentare ed equilibrio psicofisico e gestione emozionale.

Trovare la giusta strategia comportamentale, che ti permetta di reagire agli impulsi alimentari, spesso dettati da un’ inconsapevolezza alimentare che ti porta alla dipendenza.

http://www.annamariagiancaspero.it

Serotonina a Go Go

La serotonina,  è uno dei più potenti modulatori corporei di umore, appetito, sonno ed ha un potente effetto sul cervello.

A causa delle sue fluttuazioni possiamo vivere stati di ansia, frenesia alimentare, insonnia, mal di testa e altri problemi comuni della vita di tutti i giorni.       https://www.youtube.com/watch?v=1ciyQI5wkz8

La serotonina viene prodotta nel cervello e nel sistema nervoso degli esseri umani e degli animali grazie all’assunzione delle sostanze nutritive presenti nel cibo che consumiamo.

Basterebbe apportare dei corretti cambiamenti nello stile di vita e nella scelta di alcuni alimenti per modificare e migliorare il nostro stato d’animo.

http://www.annamariagiancaspero.it